I 6 TIPICI ERRORI DELLE CINTURE BIANCHE DI BJJ - Blog BJJ&MMA Academy - Batatinha Team Roma BJJ & MMA Academy

Vai ai contenuti

Menu principale:

I 6 TIPICI ERRORI DELLE CINTURE BIANCHE DI BJJ

Batatinha Team Roma BJJ & MMA Academy
Pubblicato da in Sport ·
Approcciarsi nel BJJ è sempre un’esperienza memorabile! Nulla accade per caso, quindi se sei capitato su quel tatami un motivo ci sarà, se quel mondo non ti appartiene, cosi come sei salito scenderai, se invece è il tuo mondo, benvenuto a bordo.
Triangolo, single leg, kimura, omoplata, guardia ragna, monta, schiena…, ma che è??? Non conoscendo nulla di tutto ciò e scontato cadere in errore! Tutti i praticanti all’inizio cadono sempre sugli stessi punti:

1) Mi alleno tutti i giorni
Sicuramente all’inizio, la soluzione a tutte quelle botte prese, dopo che anche quel ragazzino , cintura blu ti ha brutalizzato e finalizzato come se non ci fosse un domani, nonostante il tuo peso e la tua età nettamente superiore, questo trauma ti porterà ad ipotizzare che allenarti tutti i giorni ti eviterà di soccombere nuovamente, sbagliato!!!. Questa non è una buona soluzione, questo approccio ti consumerà anticipatamente oppure ti porterà sicuramente ad infortunarti e lo stare sempre sul tatami si trasformerà in un abbandonare il corso da un momento all’altro.

Ricordatevi che i cavalli si vedono all’arrivo e no alla partenza.

Quindi a meno che tu non sia come “Gigi la trottola” che sei nato campione, se vuoi arrivare lontano, vai con calma!

Nota bene: questa raccomandazione è per i principianti…

2) Progredire con le tecniche troppo velocemente
A meno che tu non voglia pagare il mensile a GOOGLE, usa  YouTube con attenzione, il BJJ si apprende sul tatami, col tuo maestro, nella tua accademia, insieme ai tuoi pari, cercare di apprendere il BJJ dai big presenti sui social è quanto di più sbagliato tu possa fare. Anche se attualmente esistono molte cinture nere certificate direttamente da Youtube, devi cercare di prediligere una cintura nera con un lineage che non abbia nulla a che vedere con Google. Guardare troppi video di Bjj su Youtube ha gli stessi effetti di abusare troppo di Youporn…, avrai problemi alla vista, pensieri offuscati, astenia generale, pensieri megalomani di onnipotenza, che a cose fatte rimangono sempre e solo immaginazione…

Quello nei video non sei tu…capisci a me…

Pensa ad imparare le basi, lascia perdere berimbolo e ninja choke, imparati prima ad allacciarti la cintura, arriverà anche il momento in cui dovrai necessariamente studiare le tecniche avanzate, non avere fretta.

Ricorda che tutti i grattacieli, partono dalla scavo, poi dalle fondamenta e poi viene tutto il resto, se non fanno la buca e non gettano le basi, la struttura alla prima bufera crolla.

Youtube non può essere il tuo maestro, il tuo maestro non può essersi formato con youtube…

3) Non battere mi raccomando
“4 compari a cena insieme, a fine cena…, arriva il conto…, compa’ fermate che pago io, no no fermi che pago io, la diatriba va avanti per un po’…, uno dei 4 propone agli altri di fare un gioco e chi avrebbe perso al gioco, avrebbe pagato. Il gioco consisteva nel mettere ognuno la testa immersa in una bacinella ricolma di acqua, il primo che alzava la testa avrebbe perso e quindi avrebbe dovuto saldare il conto… a gioco ultimato… i 4 compari sono tutti morti affogati…”

Sicuramente avere uno spirito competitivo aiuta nel BJJ. Nessuno vuole perdere!

Ma è altrettanto vero che la morale dei 4 compari, dovrebbe aiutarti a capire che è bello anche perdere…

Se ti rifiuti di battere non dimostrerai di essere più forte, ma come diceva il grande Funari, se uno è str..o non lo poi chiama’ biricchino, questo modo di fare prima o poi ti scaccerà dal tatami.

Se qualche gomito, ginocchio, piede o mano, si gira dal lato sbagliato, non solo bloccherete i vostri miglioramenti fino al recupero funzionale, ma farete sentire in colpa il vostro rolling-partner per l’infortunio occorso.

Se devi battere, fallo e basta, tanto la Sector non ti metterà mai sotto contratto perché hai battuto il record di apnea sotto uno strangolamento ormai chiuso, tutto al più scoprirai che per dormire non serve contare le pecore. Se hai un arto in leva, sappi che di mr Fantastic dei fantastici 4, ce nè uno e non sei te, le tue ossa, cosi come i tuoi tendini e legamenti soggiacciono alle leggi della natura.

4) Lottare per rimanere vivo e non per imparare
Ok, ora passiamo al rolling, o meglio sparring controllato con il solo fine di testare, affinare e migliorare il proprio bagaglio tecnico…, ergo quando fai sparring non stai registrando una puntata su DMAX insieme a BEAR GRYLLS, non devi imparare a sopravvivere, e’ normale che l’obiettivo è di non farsi finalizzare, ma ti stai solo allenando per lo più in un ambiente protetto…e stai li per imparare!!  

Diverso è se lo sparring-partner, ha scambiato il rolling come antidepressivo, dove reprimere e canalizzare tutte le ansie, i problemi e le frustrazioni a cui è sottoposto, a questi signori, il più delle volte raccomando un bravo psichiatra.  

Se vi capita di combattere con questi psicoatleti, spiegategli che il primo passo per farsi aiutare è parlarne con i famigliari. E’ vero che dopo la legge Basaglia, hanno chiuso i manicomi ma sicuramente il corso di Bjj non potrà mai essere la soluzione ai loro problemi. Se proprio lo psicoatleta non lo capisce, ricordate di trovare una buona alternativa tecnica all’irruenza e alla forza.

5) Integrità dei vostri pari di allenamento
Tranquillo non sei calimero piccolo e nero, non puzzi e neanche sei il brutto anatroccolo, semplicemente le persone non vogliono fare sparring con te perché sei PE..RI..CO..LO..SO, ma questo non deve essere un motivo di orgoglio anzi…, il tuo modo di approcciarti allo sparring è solo sintomo di totale incapacità tecnica, la tua irruenza, i tuoi movimenti incontrollati, sbracciate, gomitate, tibiate, pugni in faccia, scalciate per evitare un passaggio di guardia ecc…, non sono Bjj e tu non sei un appartenente della popolazione nomade degli Unni, non devi penetrare l’impero romano, a fine sparring avrai solo infortunato il tuo pari e non avrai di certo conquistato la Gallia.

6) Canotta, scarpini e ghette
Si lo so, a calcetto con gli amici ci si sente liberi di indossare qualsiasi tipo di abbigliamento, cosi come per andare al mare o nel bosco a festeggiare Pasquetta, SUL TATAMI NO.

Bjj senza kimono, non vi autorizza a vestirvi come Fantozzi contro Filini mentre giocano a Tennis, esiste un abbigliamento specifico per il NoGi.

Bjj col kimono… e puntualmente vi presentate con la canotta , i pantaloncini da Baywatch e le ghette, hai visto mai stasera sul tatami ce scappano du’ rigori io già so’ pronto…
il BJJ col GI si fa’ con il kimono, con un kimono idoneo…specifico per il BJJ. Dice, ma ho visto su internet e costano troppo, chiedi e ti sarà dato, non devi comprarti obbligatoriamente un top di gamma delle marche più blasonate, puoi iniziare tranquillamente con un buon prodotto a basso costo che potrai utilizzare in attesa di tempi migliori. Se non puoi permetterti neanche quello, al momento il Bjj non fa per te.

E comunque il BJJ è per tutti ma non tutti si possono permettere…il BJJ!!

Mettere dollaro vedere cammello…, antico motto usato dai circensi nel lontano Ottocento, dove i beduini invitavano le persone ad entrare nel circo, qui al suo interno avrebbero potuto ammirare animali esotici non visibili altrove, da quel contesto nacque “pagare moneta vedere cammello”.






"Chi ha la fortuna di seguire la strada del BJJ è una persona che si trova a compiere un meraviglioso viaggio senza destinazione, in questo viaggio non bisogna ricercare nessuna verità o teoria, ma bisogna solo avere la consapevolezza di comprendere la bellezza e il fascino del viaggio stesso. Solo così si potrà tracciare il confine tra tutto ciò che appare magico e impossibile e la cruda realtà del presente."
Torna ai contenuti | Torna al menu